Matrimonio elegante: I sì ed i No per un’invitata a nozze : Gocce di bon ton di Elena Colonna, Alta Moda a Napoli.

Siete state invitate ad un matrimonio di una vostra cara  amica o di una parente ?

Già vi vedo !!!!

L’ansia vi assale, e nella vostra mente,un  solo ed unico  pensiero : <Come mi vesto ???>

(Nella foto in alto, Nunzia, con un abito  de L’Atelier Elena Colonna, davvero elegante e sartoriale, pronta per partecipare al matrimonio della sua più cara amica.)

Oggi nel mio piccolo , cercherò di facilitarvi il compito, e vi segnalerò  quello  che bisogna attentamente valutare prima di decidere come vestirsi per essere in linea con un  matrimonio di classe, e quali sono gli errori fatali ed imperdonabili che  assolutamente sono  da evitare!

La cosa che si deve tenere presente è l‘ora ed il luogo del matrimonio; in questo vi aiuterà certamente la partecipazione di nozze, che si rivelerà anche un favoloso ” dress code” per voi invitate.

La scelta della tipologia del modello del vestito da scegliere risulterà così molto  più facile :

Corto di giorno, sì anche  al cappello, se vi diverte, e se  il matrimonio è di tipo formale.( ricordate che dovrete tenerlo in testa per tutta la durata del matrimonio ) Lungo di sera , ma solo se anche  la sposa è in lungo,  e la cerimonia si svolge  dopo le 18.

La prima regola, scontata, ma forse non troppo, è che non bisogna vestirsi mai di bianco: Di bianco è autorizzata a vestirsi solo la sposa.

No ai total look: specie quelli  troppo sgargianti ; quindi è da evitare il rosso troppo acceso comprensivo di borsa e scarpe in tinta, o il viola, poichè la sposa potrebbe interpretarlo di cattivo augurio.

No al total black: sebbene molte donne lo amano incondizionatamente; ma nonostante  oggi sia  stato ufficialmente ammesso ai matrimoni, trovo che il nero sia troppo  cupo e  poco indicato per una cerimonia festosa come le nozze; naturalmente potrete schiarirlo  abbinadolo ad accessori colorati , o illuminarlo  con tocchi di luce ricamata .

No al look da seduttrice : di solito bisogna seguire il buon gusto e la moderazione, e se proprio non potete fare a meno di scollature troppo generose, evitate di esibirle,  specie se la cerimonia è  in chiesa, e copritele con stole, sciarpe e coprispalle. Vale lo stesso per gli abiti  con eccessive trasparenze , o sexy dalle lunghezze ascellari, insomma bisogna ricordarsi che si va ad un  matrimonio, e si deve scegliere un abito da cerimonia
No alle scarpe nuove appena messe : sì , perchè di solito le scarpe sono statisticamente la causa  dell’infelicità  di una donna, specie nelle occasioni più belle. Naturalmente la cosa può essere risolta indossandole  in precedenza, in modo che le scarpe  prendono ” la forma”.

La severa etichetta di ” bon ton” prevede sempre che le donne indossino le calze, che sono proprio quel  dettaglio di eleganza e raffinatezza, che per una cerimonia non dovrebbe mai mancare. Naturalmente noi non siamo tanto “severe” e sappiamo che oggi la “regola” non è  più così  ” rigida”; a patto che le gambe siano ben curate e possibilmente abbronzate.

Attenzione ai gioielli: non ingioiellatevi troppo come la Madonna dell’Arco, e tenete in considerazione che le perle sono perfette per i matrimoni  e le cerimonie di  giorno, mentre i  rubini ed i  diamanti sono indicati per la sera.

Elena Colonna vi da ancora una volta una piccola goccia di bon ton :

<Vestirsi bene significa essere sempre adeguate.  Scegliere gli abbinamenti giusti per ogni occasione, con moderazione e senza strafare .Si deve sempre  partire  dal  proprio  fisico, e  cercare linee,  tagli e volumi che possano  sempre  valorizzarlo; infine  completare il nostro look  con i dettagli e gli accessori giusti,  che saranno il segno di classe , rivelatore  del nostro stile.>

Hai ancora dei dubbi?

Seguiteci……….

Condividi questa pagina

Commenta