Ecco cosa vogliamo noi Donne per L’8 marzo 2013!!!!! Elena Colonna :NOI NON VOGLIAMO MIMOSE………VOGLIAMO solo RISPETTO !!!!!

L’8 marzo è la festa della DONNA …….

La FESTA DELLA DONNAdovrebbe essere la ricorrenza dell’emancipazione femminile, dei  pari diritti tra uomo e donna, del valore professionale ” riconosciuto” della donna, la fine   delle vessazioni che la donna ha dovuto subire nel corso dei secoli, ed  anche il punto di partenza per il proprio riscatto……..

Ma se ancora oggi ci sono PURTROPPO ” certi” uomini  per cui non esiste alcun RISPETTO per noi Donne, allora  a che cosa serve ricordare l’8 marzo ?

Ricordate il monologo di LUCIANA LETTIZZIETTO durante il Festival di Sanremo 2013:

Noi non vogliamo essere donne con le palle, c’ abbiamo le tette, bastano, avanzano, tra l’altro sono sferiche anche quelle, vogliamo solo rispetto.
In Italia, in media, ogni due o tre giorni, un uomo uccide una donna, una compagna, un’amante, una sorella, una moglie, una figlia, una ex, magari in famiglia, perchè non è che sempre la famiglia è sempre quel luogo magico dove tutto è amore. La uccide perchè la considera una sua proprietà, non concepisce che una donna appartenga a se stessa e sia libera di vivere come vuole lei, di innamorarsi di un altro uomo.
Noi, che siamo ingenue, spesso scambiamo tutto per amore, ma l’amore con la violenza e le botte non c’entrano un tubo, l’amore con gli schiaffi e i pugni centrano come la libertà con la prigione… . Un uomo che ci mena non ci ama, mettiamocelo in testa…Vogliamo credere che ci ami? Bene, allora ci ama male, non è questo l’ amore, un uomo che ci picchia è uno stronzo, sempre, dobbiamo capirlo subito al primo schiaffo, perchè poi ne arriverà un secondo, un terzo, un quarto. L’amore rende felici, riempie il cuore non ti rompe le costole, non lascia  lividi sulla faccia.  Pensiamo mica di avre sette vite come i gatti, no, ne abbiamo una sola, non buttiamola via.

LUCIANA LETTIZZIETTO

Perché in Italia ogni tre giorni una donna viene uccisa da un marito, un fidanzato, spesso compagni o ex compagni di anni di vita, padri fratelli o   figli ?

Siamo ancora oggi,ritornati indietro nei secoli,  all’epoca antica???

All’epoca del diritto romano, quando la donna non valeva niente, meno di zero? Quando  la moglie era un vero e proprio “possesso del marito”; in quanto tale, la donna non godeva del controllo giuridico né della sua persona, né dei suoi figli, né delle sue terre, né dei suoi soldi.

Oltre a questo , poi ci sono tanti tipi di VIOLENZA!

Non dimentichiamo sempre che oltre alla violenza fisica, ci sono donne soggette a violenze psicologiche tremende, sono violenze che non lasciano i segni  sul fisico; non ci sono lividi, occhi gonfi, costole rotte, ma dentro distruggono, devastano, annientano, anche di più……. Questo tipo di violenza è più difficle da vedere, da scoprire.

Diamo un senso a questa festa……..

NOI NON VOGLIAMO MIMOSE………VOGLIAMO  solo RISPETTO !!!!!

Ecco cosa vogliamo noi Donne per L’8 marzo 2013……..

W le Donne !!!!!

Seguiteci…….

Condividi questa pagina

Commenta