Il tuo matrimonio , in 10 semplici mosse !!!!!!! Agenda “semiseria”per non arrivare stressate il giorno del “sì”, a cura di Elena Colonna Atelier Alta Moda Sposa Napoli.

Finalmente mi sposo!!!!!!

La felicità di vivere questa ” sognata senzazione” svanisce il tempo di una notte, per lasciare il posto ad un’ inspiegabile frenesia di fare, mista ad un’ angosciosa ” ansia” che inesorabilmente ci assale d’improvviso!

E adesso …..da dove si parte?????

Naturalmente è sempre ” buona regola ” partire dall’inizio, dal meglio del matrimonio,insomma……… dal marito!

Siete sicure al 100% di aver  trovato l’uomo della vostra vita????Il tanto atteso principe ” azzuro”quello che alimentava i  vostri sogni di bambina??

Bene !!!! allora potete seguire fino in fondo questo articolo, semiserio, ma non fino a questo punto !!!!

Dunque, diciamocelo, siete state veramente fortunate, e aggiungo : < affretatevi e sposatevelo subito……non lascetelo scappare…mica questo treno passa due volte! insomma meglio dire: < quando ti rendi conto che vuoi passare il resto della tua vita con una persona, vuoi che il resto della tua vita inizi il prima possibile> e qui cito una frase di un celebre film, che io amo tantissimo!!! > Ricordate il suo titolo?

  • GIORNO , MESE, ORA :Fissate una data, e scegliete  la chiesa / o il municipio,  la location del ricevimento nunziale.(  Scegliete seguendo i vostri  desideri, ma tenete  conto anche dei vostri  ospiti; il ” galateo ” e la” buona educazione” in questo caso, docet, insomma, non pretenderete  che gli invitati  facciano dei  lunghi spostamenti tra un posto e l’altro, senza mandarvi a ……….??
  • PIANIFICARE L’EVENTO:Ricordate che il matrimonio è un evento formale, importante, unico e indimenticabile.  Quindi vi consiglio  di seguire la tradizione e, pur lasciando libero sfogo alla fantasia, non eccedete in stravaganze. Non bisogna per forza stupire i vostri invitati,  spesso infatti  per eccedere, si cade nel cattivo gusto! A questo proposito,ricordate Jessica , nel film ” Viaggi di nozze”,quella di ” famolo  strano” nel giono delle nozze ? Ecco appunto!!!!!
  • IL TEMA DEL MATRIMONIO: Scegliete il famoso ” fil rouge”, ossia quell’elemento, che caraterizzi il vostro matrimonio, e lo renderà unico ed esclusivo, perchè rappresenta qualcosa che somiglia proprio a voi due: potrà essere un colore, un fiore, o una serie di elementi decorativi, su cui puntare l’attenzione. Meglio poche cose, ma di grande raffinatezza, che molti gadget senza valore.Volete mandare a casa i vostri invitati con una fastidiosa zavorra???GLI INVITI :Invito e partecipazione,  sono la prima cosa che farà parlare di voi; una specie di presentazione ufficiale dello stile che vorrete dare al vostro matrimonio. Il consiglio è quindi, abbandonate le stravaganze, gli annunci shock, che sanno molto di “kiche”, direi che le  vignette umoristiche  lascetele per il vostro profilo  fb, da esibire ai vostri amici ” virtuali”,tanto per riderci su; meglio invece non perdere di vista   la tradizione, scegliete  testi semplici, carta di ottima qualità ed escludete  il nero per la stampa.( a Napoli porta male ! )
  • I FIORI: Per gli allestimenti floreali,tenete conto dello stile della cerimonia, e scegliete di conseguenza. Anche in questo caso la parola d’ordine è :< non esagerate!> Non scegliete troppe qualità di fiori tutte insieme, non eccedete nella quantità e sopratutto attenzione ai fiori troppo profumati! A questo proposito ricordo un matrimonio ” funestato” da una fastidiosissima allergia dello sposo al profumo di un fiore. Inutile dirvi che oltre gli innumerevoli starnuti, il  poveretto in questione, cominciò a gonfiarsi come un palloncino, e così venne ripreso in tutte le foto,   delle nozze, con il naso rosso come un peperone!!!! Immaginate l’esito  di questa unione felice ?

 

  • IL MENU’: Idem come sopra, anche nella scelta del menù, per il banchetto nuziale,  ancora  vi consiglio eleganza e moderazione; naturalmente ricordate  che il menù scritto è necessario nei matrimoni di un certo tono.Se ci riuscite potrete  rispettare stagionalità e territorialità,e sarà bello ed istruttivo andare alla scoperta della tradizione culinaria locale.Una cosa molto importante, prima di decidere il vostro menù è quella di informarsi con garbo, al momento dell’invito,  in merito ad eventuali  diete, allergie, intolleranze o prescrizioni religiose osservate dai vostri ospiti. A questo  proposito  vi indico una bellissima citazione, che vi spiegherà meglio il significato dell’ospitalità :
    “Invitare qualcuno a pranzo significa occuparsi della sua felicità
    finché sarà sotto il nostro tetto”
    (Anthelme Brillat-Savarin)

 

  • I TEMPI :Fondamentale poi, per la riuscita del matrimonio , sono i tempi: quindi consiglio di fissare una specie di scaletta da rispettare per i tempi dell’evento. La cerimonia, deve avere la durata   di circa un’ora,quindi se sapete di avere un parroco troppo logorroico, ” sedatelo” prima del matrimonio; optate per  trasferimento “diretto” al luogo del ricevimento, senza divagazioni, e  senza dilungarvi  assolutamente per  raggiungere i bellissimi ” panorami” per le foto. Insomma, non me ne vogliano i miei amici fotografi, ma il galateo impone il rispetto degli ospiti, che non possono dare inizio al banchetto , se non arrivano gli sposi  , i quali  ufficilmente, lo innaugurano con  l’aperitivo di benvenuto. Anche per il ” benvenuto”, attenzione ai tempi: l’aperitivo durerà un’ora e mezza e la cena un’ora e un quarto, con una composizione di 4 portate al massimo.Spero vivamente che i matrimoni ” interminabili” di una volta siano definitivamente defunti!!!! Diciamo la verità,non si può restare in ” ostaggio” degli sposi,per un ‘intera interminabile giornata, diventerebbe un’incubo!!!!!! Infine la torta, ultimo momento formale ma festoso, prima che inizi la festa più disinvolta con musiche e balli:  a questo punto,mandate a case le nonne, abbandonate l’etichetta più severa e…..scatenatevi!!!!!
  • GLI ABITI :La scelta dell’abito da sposa poi, è il momento più difficile!!!!! Partendo dal presupposto che per essere una “sposa di classe”, elegante, perfetta  ed  unica e, per essere ricordata da tutti come  la ” più bella sposa mai vista”, è consigliabile mettersi nelle mani dell’Atelier Elena Colonna!!!! Mi state criticando? Vi sembro troppo di parte??? Bhè,va bene, un pochino vi dò ragione!!!!A parte gli scherzi, nella scelta dell’ abito ricordate  che, sebbene  alla sposa sia concessa maggior libertà dato la varietà di modelli proposta ogni anno, dall’altra, bisogna tenere conto sempre del proprio fisico, la ” figura” va valorizzata sapientemente e non mortificata dal ” troppo” !!!! Ancora il mio personale  consiglio, per non sentirsi ” travestita” , non avere lo ” stile” della ” meringa”, è la  semplicità, con un piccolo ” tocco”, un particolare su cui puntare, per sentire a proprio agio , disinvolta e vivere con armonia  tutta la ” magia” di questo momento ” unico”.Per lo  sposo, viceversa , è permesso solamente il tight o l’abito scuro, blu o grigio. La camicia sarà bianca, mentre la cravatta potrà essere in tonalità diverse; detto questo,non osate con i toni  pastello, con quei colori così ” di moda”, le sfumature dei rosa o dei  glicine!!!  Di dubbio  gusto è  infatti il gettonatissimo  pan dan della cravatta dello sposo con il colore tema del ricevimento!!!!!A questo punto mia madre potrebbe pure ” svenire”!!!!! Per gli invitati,vale la stessa regola di eleganza e bon ton: il classico abito scuro per gli uomini, mentre le signore eviteranno il bianco e il nero, i cappelli e le  acconciature sono permesse solo  fino alle 18.00, per i matrimoni serali poi, sarà  possibile indossare anche  un abito lungo; ma  naturalmente è fuori discussione, la coda per le invitate o le damigelle d’onore, da escludere categoricamente, per carità di Dio !!!

 

  •  LA MUSICA :La colonna sonora dell’intero evento dovrà essere varia e seguire l’andamento della giornata. Repertorio classico per la cerimonia, leggero o jazz per l’aperitivo, il taglio della torta potrà invece essere accompagnato dalla musica di una band con una voce che sottolinei la gioiosità del momento e perchè no, anche la ” vostra canzone” potrebbe essere un momento ” magico ” da condividere con i vostri invitati; un momento  romantico potrebbe essere quello del  ” primo ballo” con lo sposo . Attenzione però ,se gradite ballare, fatelo con classe ed eleganza, non dovete rischiare una brutta ” caduta di stile”. A tale scopo concedetevi qualche lezione di ballo,in precedenza, che vi aiuterà pure a smaltire la famosa ” tensione dei preparativi”.

 

  • SDRAMMATIZZARE: Ricordatevi che state organizzando una festa! Non esagerate , e non ricercate la perfezione ad ogni costo, mica state sostenendo un’esame? La parola d’ordine è : GODETEVI ogni momento!!!

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi questa pagina

Commenta