Un Party Estivo…Un Evento Vip? Assolutamente no! Semplice, caloroso, con tantissimi amici “veri”, ci racconta Elena Colonna Atelier Napoli. Lo definirei “Informale, ma con cura”!

 

Vi domanderete cosa ci fanno insieme Maria Luisa Colonna e Carlo Tamasco, fotografati sullo sfondo  di  un tramonto magnifico, in una delle più belle location del parterr napoletano…

La risposta è semplice: stanno preparando un delizioso  party estivo!!!!

Si, sono proprio io, Marialuisa Colonna, la figlia della signora Elena Colonna, stimata creatrice di moda  de l’Atelier Elena Colonna, il giorno del mio compleanno (ma mi permettete di non dirvi quante candeline ho spento?),  in attesa dei miei ospiti.

In questa foto mi diverto ad ingannare l’attesa e una “certa” tensione naturale, e mi lascio fotografare, appunto, con Carlo che è  l’anima  di Alba Catering, noto per essere il  luxury Banqueting napoletano per eccellenza.

Ho organizzato, direi nel giro di pochissimi giorni, una festa piccola , intima, con tutti quelli che mi vogliono veramente bene;  in fondo ho invitato solo gli amici di sempre, qualche parente …Eppure, proprio qui in questa foto Camilla, la meravigliosa figlia di Carlo, sua assistente provetta, eccellente “mano femminile” di tutti i suoi eventi (mi ha veramente conquistata ) ride sorniona: <<Maria Luisa>>, mi dice, <<ma hai invitato ben 120 persone..un Matrimonio!!!!>>

Camilla naturalmente non sa che noi solo “di famiglia  stretta stretta”,  siamo circa una cinquantina di persone e che, cosa molto bella, siamo tutti molto affiatati ed uniti.

Carlo e Camilla mi hanno ancora una volta stupita ed entusiasmata, hanno  saputo egregiamente fondere, come loro solito, la raffinatezza con la tradizione e la genuinità della cucina nostrana, offrendo ai miei amici specialità della cucina made in Italy ed internazionale, tra  tradizione e modernità creando  un mix perfetto di gusti armoniosi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bellissimi gli allestimenti dei tavoli: 3 buffet centrali messi “ad esagono”, semplici ma con buon gusto: ognuno prevedeva un tema, e tutte le prelibatezze erano “presentate” veramente con grazia, ottenendo un bellissimo effetto scenico sulle  tovaglie nere, illuminate da  candelabri in cristallo, tantissime candele, e qualche tocco di fresca rugiada (microsfere di cristallo  sparse sui tavoli ) che, accoppiata  ai semplici fiori dal touch stilizzato e moderno,  ha contribuito a dare il giusto tono alla serata, che voleva essere “informale, ma con cura”.

Il buffet dei Dolci è stato a dir poco spettacolare e la mia torta (dal taglio tradizionale)  ha conquistato tutti per l’armonia che lo chef ha saputo dare tra il gusto del cioccolato (mia amata trasgressione) e la freschezza delle fragole.

L’open bar ha poi soddisfatto tutti! Quelli che amano” trasgredire” con cocktails e super alcolici e quelli, invece, che amano la frschezza dei frutti che hanno apprezzato degli innovativi frozen, nei  sublimi gusti di cocco ed anguria.

Il tutto si è svolto in una serata di luglio, fortunatamente non calda (anzi trovandoci vicino al mare abbiamo goduto tutti di un’incatevole panorama e una delicata brezza marina, veramente piacevole).

 

Suggestivo lo scenario, accogliente e curata la location: il Gabbiano a Marechiaro, che  la mia  amica del cuore, Giusy Errico,  la più “d’infanzia” delle mie amiche ( il nostro legame risale all’epoca dell’asilo ), divenuta poi mia cugina ( abbiamo sposato due cugini),  ha messo a disposizione mia e dei miei ospiti;  un posto che molti ancora non conoscevano, o che ricordavano per com’era in passato. Uno dei rari posti a Napoli città che di giorno è un rinomato club balneare , dove i numerosi soci possono dimenticare l’afa cittadina tra un tuffo in piscina o una nuotata nelle acque limpide e pulite di Marechiaro (lì la corrente è a favore, e l’acqua è sempre notoriamente pulitissima ),

pranzare nel ristorante accogliente, o farsi una partitina a carte nell’apposita terrazza, sotto le “fresche pagliarelle”; mentre di sera, si trasforma e  può ospitare tantissime persone per feste, matrimoni e convention varie, grazie all’ampio parcheggio custodito, alle numerose terrazze che degradano fin verso il mare e un’accogliente sala chiusa, con vista “panoramicissima”, per ogni imprevisto metereologico. Meta ambitissima anche e soprattutto per ricevimenti nuziali, specie in virtù della vicinanza con la bellissima e rinomata Chiesa di Santa Maria del Faro (meglio nota come “Chiesetta di Marechiaro), questo posto accoppia la bellezza paesaggistica alla cura  vigile e maniacale di Giusy, che ne è la  guida. Pensate che Giusy, in famiglia, è nota come la ” dolce Merkel” per la notissima pignoleria, ma è anche grazie a questa dote che il Gabbiano è diventato una “perla di rara bellezza”.

Senza false modestie vi dico che, grazie a tutti questi ” ingredienti”, la festa è stata bellissima e, a detta di tutti, riuscitissima!

Si respirava una bellissima atmosfera, una serata tra amici con armonia ed amore, quello che capita quando ci sono  legami collaudati. Li abbiamo fatti ballare e tornare indietro con il tempo insieme alle note coinvolgenti di  Roberto Alfano, nostro amico e collega di mio marito (medico) che accoppia la serietà con cui svolge il suo lavoro con la verve, lo charme e la classe che sfodera nelle sue performance canore, conosciute da tutto l’ambiente” in”  a Napoli, ma non solo (pensate…Roberto  è stato pure capace di far cantare Stefano Bollani, ed ha  avuto il piacere di duettare con Lucio Dalla…insomma, un mito!)

Nella prima foto,  si vede anche il mio abito, naturalmente della tinta “must” per questa calda stagione 2012: ricordate l’articolo sul “tangerine Tango”, la nuovissima nuance di arancio?

L’abito, è stato realizzato su misura dalle premiers dell‘Atelier Elena Colonna e fin qui niente di strano o nuovo, tutti se lo aspettavano, ma molti non sanno che quando io e mia madre vogliamo realizzare  vestiti per noi stesse, questi vengono  confezionati “al cardiopalma”, cioè  in pochissimo tempo, e vengono misurati in “clandestinità” e in condizioni a volte ridicole precarie, spesso  in angoli nascosti dell’atelier tra una prova sposa e una consegna alle nostre clienti .

Dite che dalla foto  non si vede beneil modello, e il tipo di ricamo?

Aggiungete che i tavoli sono vuoti, e non potene apprezzare il “contenuto “?

Mi state chiedendo di  tutti gli invitati, per  poterne apprezzare le mise e  sbirciare gli abiti delle signore???

Siete curiose si vedere il cadeau che i miei amici, carinamente, mi hanno fatto trovare al momento delle candeline ?

Mi suggerite altre foto, e forse una seconda parte dell’articolo????

Forse avete ragione voi, anche perchè io non vi ho ancora parlato di quando a mezzanotte mi sono emozionata da un arrivo veramente inaspettato…

Allora è deciso, vi dò  appuntamento proprio qui, sul mio blog …e sarete soddisfatte anche attraverso le fotografie di  Francesco Begonja, il nostro ufficialissimo fotografo di ” famiglia” divenuto ormai un’amico per tutti noi.

seguiteci…

Condividi questa pagina

Commenta