Matrimonio all’ Hotel Excelsior di Napoli. Un evento di classe. Bon ton e raffinatezza per la sposa e le “donne” del matrimonio, tutte con splendidi modelli Elena Colonna Atelier…

Varcare la soglia dell’Hotel Excelsior, il “Luxury” di Napoli, è come tuffarsi in un passato ricco di tradizioni.

Il grande e monumentale ingresso accoglie l’ospite e una calda e raffinata atmosfera lo avvolge, diventanto “magica”,  affascinante ma anche più leggera e moderna sulla terrazza, da cui lo sguardo può ammirare l’incomparabile bellezza del Vesuvio, di Sorrento, di Capri, e di Posillipo.

Proprio questo è  il fil rouge del  matrimonio da fiaba, di Domenico e Cristina, gli sposi della foto:

Il bon ton, la raffinatezza, la tradizione e la classe, rivisitate con uno stile “moderno”, virtù comuni alle due famiglie degli sposi, a cui questa bella e giovane coppia si è voluta uniformare, mantenendole  salde pur con un tocco glamour.

 

Cristina, la bellissima sposa, devo dire anche molto simpatica e spiritosa,  ha iniziato, a fare tesoro delle ” tradizioni”,  già con la scelta  dell’abito da sposa, venendo da noi, per l’abito dei suoi sogni, all’Atelier Elena Colonna, dove un “pò di tempo fa “si era servita sua madre, Lina ( vedi foto ) che, commossa da questa scelta, si affrettò a dire alla signora Elena Colonna : << Sono felice che Cristina abbia voluto venire da Lei, lo speravo ma non “osavo” chiederglielo, non volevo fosse un imposizione…invece è stata prorpio lei che ha scelto, e mi ha chiesto di accompagnarla!>> 

Immaginate l’impegno e l’affetto della signora Elena?

Devo dire che Cristina ha uno stupendo ” senso pratico”, e lo ha dimostrato anche nella scelta dell’abito…quando Elena Colonna le ha misurato i vari stili di sposa che con la sua esperienza e professionalità,  vedeva adatti  per il suo personale perfetto; Cristina ha interrotte le prove dopo pochissimi modelli, dicendo con fermezza e decisione,ma sempre con i suoi squisiti ” modi gentili”, che non voleva vedere altro: aveva trovato il suo ideale di abito da sposa, propio nel primo abito che Elena le aveva proposto!

 Un’eleganza semplice ed  impeccabile, questi sono gli  aggettivi che  riassumono  bene lo stile  che  caratterizza l’incantevole abito da sposa di Cristina,dove il prezioso  pizzo, ricamato a telaio  a rilievo, è il protagonosta assoluto!

Un abito a ” corpo” dritto e sinuoso. La cintura alta , è in garzan di seta, spezza l’uniformità della sposa, e   la  segna dalla vita in su;  è stata costruita come un corsetto, con perizia artigianale e sartoriale,  con una lavorazione  a biè piatti. Il davanti dell’abito da sposa  appare ” rigido” ( fa venire in mente gli abiti delle regine ) , ma la linea dell’abito  si ammorbidisce sul dietro,  con una vaporosa e stupenda coda, in composè con la cintura,  in garzan.

Il  tocco “regale” e ” di classe”,  è conferito dal collo,un  dettaglio raffinato di ” bon ton”, di quest’ennessima creazione sartoriale di Elena Colonna, che con ” sapienza” ha meravigliosamente messo in evidenza , il bellissimo personale della sposa, valorizzandola , con un attenta  priorità anche al suo “lato B”, reso ancor più seducente, anche  grazie alla   profonda scollatura che lascia civettuosamente le spalle scoperte.

Cristina sembra nata per questo abito da sposa, e devo dire che anche nelle prove si muoveva con grandissima padronanza e disinvoltura , sfoggiando un portamenro da regina, da fare invidia alla più esperta mannequin sulla passarella.

 

Ma l’impegno sartoriale di Elena Colonna, non finisce qui, infatti oltre all’abito di Cristina, abbiamo realizzato tutti gli altri abiti da sera per le “donne protagoniste”  di questo matrimonio di classe: le due mamme, e le rispettive sorelle degli sposi.

Ma osserviamoli più da vicino (ci scusiamo per la qualità di alcune delle foto, scattate in “real time” da parenti e amici degli sposi in momenti di grande emozione!!!):

L’abito della mamma della sposa, la signora Lina, in  rosso Valentino,una robemantò in chiffon di seta con tuniche di onde a volà in organza della stessa nuance di colore. Il volà dello scollo è volutamente asimmetrico e  forma un vezzoso fiore sulla spalla sinistra. Per la verità Lina ha avuto alcune perpessità prima di scegliere il rosso: temeva di risultare troppo “accesa” e per tutte le prove lo sottolineava, con un simpaticissimo gesto della mano, divenuto per noi motivo di ilarità;  ma devo dire che, poi, con grande fiducia si è affidata alla sapienti mani di chi l’aveva vestita per tanta volte, in eventi sempre importanti e significativi…in fondo Elena Colonna la  conosceva  “troppo bene per poter sbagliare”.  Infatti che ne dite,  con l’abito che le ha  scelto non è  uno spettacolo?

La mamma dello sposo, la signora Rita , con la  sua ” mise” è il ritratto  della sobrietà e dell’eleganza: un abito tunica in moussoline georgette di seta pura, in bluette,caratterizzato da una tonalità accesa ma allo stesso tempo non eccessiva di blue; lo stesso tono adoperato da Kate Middleton, per la sua prima apparizione ufficiale, prima di diventare ” principessa”. E propio da “principessa” è la spilla (gioiello di famiglia)  che le abbiamo sapientemente cucito sul davanti dell’abito.

Rita, conosceva Elena Colonna, solo di fama, non si era mai servita da noi prima di questa occasione, ma  subito si è sentita in perfetta armonia con il nostro stile, affiatata e perfettamente a suo agio con le idee e le proposte della signora Colonna.<<Signora Elena, lei mi ha capita in pieno: è prorpio così che desideravo essere!>>

La sorella dello sposo, Luisa, anche  testimone,  ha scelto un total black: un raffinato abito in mussola leggerissima in stile “anni 50″,molto modaiolo…e  con il suo vitino da vespa, messo in evidenza da un’importante cintura ricamata a mano, nei toni del chiar di luna, ( vedi foto del particolare) sembra  veramente una modella!!!  Perfetta in tutto, perfino nella scelta della scarpa ” giusta”, in un turchese acceso in netto contrasto,  meraviglioso accessorio  ” glamour” di Prada. 

Per Paola, la sorella di Cristina,  altra testimone di nozze, la scelta è caduta sul fuxia caberet, nuovissima nuance di questa calda stagione estiva. E per lei, sportiva com’è , la signora Elena ha pensato ad un’affascinante tuta pantalone con sapienti drappeggi al corpino, che si articolano in  uno scollo incrociato, con un motivo di bretelle davvero particolare.

 

 

 

 

 

Devo dire che Paola non aveva mai visto sua sorella con l’abito da sposa: vive fuori città e, per comodità, le prove avvenivano in giorni diversi. E guardate invece cosa è successo all’ultima prova abito di Cristina, quando le abbiamo fatto una simpatica sorpresa?

Il nostro lavoro è stato lungo e laborioso, ci siamo viste con questa bella famiglia tantissime volte, per fare in modo che tutto fosse perfetto; la cosa che più mi è piaciuta di questo lavoro è stato propio conoscere queste squisite persone: allegre, gioviali, mai in tensione e, sopratutto, molto unite tra di loro ( in modo particolare le due sorelle), proprio come dovrebbe sempre essere in un matrimonio: un’ unica “grande famiglia”!!!!!

Allora, che ne dite di questo matrimonio, dove innovazione e tradizione si fondono perfettamente? Qui la classe ed il bon ton sono stati i protagonisti assoluti per  un evento che  sarà ricordato da Cristina e da tutta la sua bella famiglia, per sempre, con gioia e serenità e al quale anche noi, nel nostro ” piccolo”,  abbiamo contribuito rendendolo UNICO.

Io vi dico che non finisce qui!!! Una farfallina mi ha detto che quando gli sposi ritornerranno dal loro viaggio di nozze, la signora Rita, la mamma dello sposo, li accoglirà in un festoso party, e qui Cristina sfoggerà ancora una bellissima creazione da sera, dell’Atelier Elena Colonna…volete conoscere il modello?

Per ora vi lascio in suspance e non vi anticipo nulla; ne riparleremo in una nuova puntata…

SEGUITECI !!!!

Condividi questa pagina

Commenta